Come si arriva alla CNAI?

 

​Dopo il Seminario Nazionale, Sogin raccoglie le ulteriori osservazioni trasmesse formalmente e redige la proposta di CNAI, Carta Nazionale delle Aree Idonee, e la trasmette al Ministero della Transizione Ecologica. Acquisito il parere tecnico dell’ente di controllo ISIN, il Ministero della Transizione Ecologica la approva definitivamente, di concerto con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (oggi Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili). La versione definitiva della CNAI è quindi il risultato dell’integrazione nella CNAPI dei contributi emersi e concordati nelle diverse fasi della Consultazione Pubblica.

In base a questi pareri, il Ministero dello Sviluppo Economico convalida la versione definitiva della CNAI, che è quindi il risultato dell’integrazione nella CNAPI dei contributi em​ersi e concordati nelle diverse fasi della Consultazione Pubblica.


Chi è ISIN - Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione

L’Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione (ISIN) è oggi l’autorità di regolamentazione competente in materia di sicurezza nucleare e di radioprotezione, indipendente ai sensi delle Direttive 2009/71/Euratom e 2011/70/Euratom.

L’Ispettorato assorbe tutte le funzioni in materia di sicurezza nucleare e di radioprotezione già attribuite in passato dalla legislazione nazionale al CNEN, all’ENEA DISP, all’ANPA, all’APAT e, infine, al Dipartimento nucleare, rischio tecnologico e industriale, al Centro Nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione, nonché all’Area Fisica del Centro Nazionale per la rete nazionale dei laboratori per le attività in materia di radioattività dell’ISPRA.


 

 

 ​​​​​​​​​